Immunoterapia specifica o vaccino antiallergico

L’allergia – quando trascurata – impatta fortemente sulla qualità della vita. Per curare le patologie allergiche e per prevenire fastidiose complicazioni, servono soluzioni causali e non rimedi temporanei.

Scarica l'opuscolo 'Conoscere il Vaccino Antiallergico' »

COS’È IL VACCINO ANTIALLERGICO (ITS: Immunoterapia allergene-specifica)

Il vaccino antiallergico (più correttamente chiamato immunoterapia allergene-specifica) è l’unica terapia, ad oggi disponibile, in grado di modificare il decorso della malattia allergica, curando e alleviando i sintomi. A differenza dei farmaci sintomatici, il cui effetto è momentaneo e legato all’assunzione del farmaco stesso, l’efficacia dei vaccini antiallergici si mantiene anche dopo la sospensione del trattamento per una durata che può arrivare fino a 12 anni dopo la sospensione della terapia (Eng et al 2006), migliorando cosi la qualità della vita dei pazienti.

L’ immunoterapia allergene-specifica oltre a ridurre l’uso dei farmaci è anche in grado di prevenire lo sviluppo di nuove sensibilizzazioni e la successiva comparsa di asma in soggetti con rinite allergica.

COME FUNZIONA

 

L’immunoterapia specifica consiste nel somministrare delle dosi gradualmente crescenti dell’allergene che causa la reazione allergica fino ad arrivare alla massima dose tollerata dall’organismo. Questa dose ripetuta sistematicamente ad intervalli regolari induce a una risposta del sistema immunitario (iposensibilizzazione) che permette al paziente di ridurre o eliminare i sintomi allergici provocati dal contatto con gli allergeni stessi.

Il vaccino antiallergico, per essere efficace, deve essere assunto per almeno tre anni e comunque seguendo il consiglio del medico.

I TIPI DI VACCINI ANTIALLERGICI DISPONIBILI

 

A seconda della via di somministrazione l’immunoterapia specifica può essere:

  • orale – sublinguale (detta SLIT)
  • iniettiva – sottocutanea (detta SCIT).

La terapia comprende una fase di inizio del trattamento e una successiva fase di mantenimento.

Nel caso dell’immunoterapia sublinguale (SLIT) l’inizio del trattamento solitamente si effettua sotto osservazione del medico, mentre il mantenimento si può effettuare a casa del paziente senza l’osservazione medica.

Nel caso invece dell’immunoterapia sottocutanea (SCIT) sia l’inizio sia il mantenimento del trattamento viene effettuato da un medico specialista ad intervalli che variano da prodotto a prodotto.

Il vaccino antiallergico deve essere prescritto dal Medico su appositi moduli forniti dalle aziende produttrici.

© 2018 - 2011  Allergopharma | Privacy | Cookie Policy | Intranet

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?