Scelta e commenti a cura del Dr. Cristiano Caruso
Specialista in Allergologia e Immunologia Clinica 
Complesso Integrato Columbus – Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

  1. Akdis M, Akdis CA
    Mechanisms of allergen-specific immunotherapy: multiple suppressor factors at work in immune tolerance to allergens. 
    J Allergy Clin Immunol 2014; 133:621-631 
    Link a PubMed »
  2. Davies JM
    Grass pollen allergens globally; the contribution of subtropical grasses to burden of allergic respiratory diseases. 
    Clin Exp Allergy 2014 Mar 29
    Link a PubMed »
  3. Feng S et al
    Cluster subcutaneous allergen specific immunotherapy for the treatment of allergic rhinitis: a systematic review and meta-analysis. 
    NPLoS One. 2014 Jan 28;9(1) 
    Link a PubMed »
    Leggi il commento al lavoro »
  4. Hofmaier S, Comberiati P, Matricardi P
    Immunoglobulin G in IgE-mediated allergy and allergen-specific immunotherapy. 
    Eur Ann Allergy Clin Immunol 2014 Jan;46(1):6-11 
    Link a PubMed »
  5. Li CW et al
    In vivo and in vitro studies of th17 response to specific immunotherapy in house dust mite-induced allergic rhinitis patients. 
    PLoS One 2014 Mar 19;9(3) 
    Link a PubMed »
    Leggi il commento al lavoro »
  6. Passalacqua G
    The use of single versus multiple antigens in specific allergen immunotherapy for allergic rhinitis: review of the evidence. 
    Curr Opin Allergy Clin Immunol 2014 Feb;14(1):20-4 
    Link a PubMed »
  7. Uermosi C et al
    IgG-mediated down-regulation of IgE bound to mast cells: a potential novel mechanism of allergen-specific desensitization. 
    Allergy 2014 Mar;69(3):338-47 
    Link a PubMed »
    Leggi il commento al lavoro »
  8. Letran A, Espinazo M, Moreno F
    Measurement of IgE to pollen allergen components is helpful in selecting patients for immunotherapy. 
    Ann Allergy Asthma Immunol 2013; 111:295-297 
    Link a PubMed »
  9. Lopes A et al
    Impact of allergic rhinitis and specific subcutaneous immunotherapy on peripheral blood basophils of patients sensitized to Dermatophagoides pteronyssimus. 
    Allergy, Asthma & Clinical Immunology 2013, 9:40 
    Link a PubMed »
  10. Ventura MT et al
    Exhaled breath condensate, nasal eosinophil cationic protein level and nasal cytology during immunotherapy for cypress allergy. 
    J Biol Regul Homeost Agents. 2013 Oct-Dec;27(4):1083-9 
    Link a PubMed »

Commenti del Dr. Cristiano Caruso

Feng S et al
Cluster subcutaneous allergen specific immunotherapy for the treatment of allergic rhinitis: a systematic review and meta-analysis. 
NPLoS One. 2014 Jan 28;9(1)
Link a PubMed »

Commento

Questo lavoro mette a confronto, tramite una metanalisi, la metodica Cluster dell’immunoterapia sottocutanea con la metodica tradizionale della stessa. In questa review sono stati presi in considerazione studi che hanno coinvolto 8 trials e 567 partecipanti. I risultati hanno mostrato un profilo di sicurezza alto e pressoché sovrapponibile tra le due metodiche e un risultato soddisfacente anche confrontando la metodica cluster con il placebo in cui non ci sono differenze significative a livello di score sull’utilizzo di farmaci al bisogno e su sintomi scaturiti dopo la somministrazione. Inoltre, sono stati presi in considerazione in tre studi anche questionari sulla qualità della vita nel paziente rinitico (RQLQ) che hanno dato risultati incoraggianti.


Li CW et al
In vivo and in vitro studies of th17 response to specific immunotherapy in house dust mite-induced allergic rhinitis patients. 
PLoS One 2014 Mar 19;9(3) 
Link a PubMed »

Commento

T helper (Th) 17 cellule sono stati implicati nello sviluppo della rinite allergica (AR), ma la loro risposta alla immunoterapia specifica (SIT) resta da chiarire completamente. In questo lavoro è stato studiato l’impatto della SIT sulla risposta Th17 e cambiamenti Th1/Th2 in pazienti con AR. I campioni di sangue dei pazienti con AR (n = 20), monosensibile all’acaro sono stati raccolti prima dell’inizio della SIT e dopo 2 anni di SIT. Le cellule T helper CD4+ esprimenti IL-17 rappresentano una nuova linea cellulare, scoperta recentemente nei modelli murini e studiata anche nell’uomo, che si è trovata ad affiancare il noto paradigma della risposta T helper rappresentata dal binomio TH1- TH2. È ormai evidente da numerosi studi che esse sono ben distinte dalle precedenti, non solo perché si differenziano in seguito a stimoli diversi, ma anche perché esprimono un pattern citochimico specifico. La funzione di queste cellule appare dunque ambigua: in quanto induttrici di una risposta infiammatoria, da una parte proteggono l’organismo, ma allo stesso tempo, in particolari condizioni, sono in grado di danneggiarlo. Conoscere esattamente il ruolo che svolgono è importante non solo per chiarire la patogenesi di queste malattie, ma anche perché in futuro esse potrebbero rappresentare un importante target terapeutico. Questo lavoro ha dimostrato un aumento del meccanismo Th2 e Th17 di risposta nei pazienti AR; soppressione della IL10 e aumento della produzione di cellule T CD4 + nel gruppo di pazienti con AR trattate con SIT. Ancora più importante è stata osservata, una correlazione positiva tra IL17 mRNA e i livelli e i punteggi dei sintomi clinici. Dunque IL17 può essere un biomarker utile sia per valutare la gravità della AR e anche l’effetto terapeutico della SIT.


Uermosi C et al
IgG-mediated down-regulation of IgE bound to mast cells: a potential novel mechanism of allergen-specific desensitization.
Allergy 2014 Mar;69(3):338-47 
Link a PubMed »

Commento

Questo articolo mostra come già si sapeva che le IgG allergene-specifiche sono note per inibire la degranulazione dei mastociti tramite due meccanismi: la neutralizzazione dell’allergene e l’impegno dell’inibitore FcγRIIB a reclutare fosfatasi SHIP. Inoltre si svela un ulteriore meccanismo di desensibilizzazione IgG mediata dei mastociti nei topi: con il risultato di una down-regulation di IgE allergene-specifiche. I mastociti sono stati caricati in vitro e in vivo con anticorpi monoclonali IgE specifici per Fel d1(allergene maggiore del gatto) ed esposti a complessi immuni costituiti Fel d1 specifici anticorpi IgG che riconoscono epitopi diversi. L’attivazione delle IgE è stata eseguita da citometria a flusso. Questi risultati serviranno ad ampliare la nostra comprensione di desensibilizzazione allergene-specifica e possono fornire un nuovo meccanismo di desensibilizzazione a lungo termine dei mastociti con asportazione selettiva di anticorpi a lunga emivita IgE specifici sui mastociti stessi.

 

Pagina aggiornata il: 30 Maggio 2014
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

© 2018 - 2011  Allergopharma | Privacy | Cookie Policy | Intranet

Log in with your credentials

Forgot your details?